Blue FlowerTWINT

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La comunità ucraina della Valposchiavo ha invitato la popolazione ad una cena di beneficenza con le specialità ucraine al Centro Parrocchiale di Poschiavo il 3 dicembre 2022.

I migliori piatti della cucina ucraina sono stati serviti ai convenuti in una piacevole atmosfera per far conoscere le tradizioni ucraine. L’intento era di raccogliere donazioni per l'acquisto di medicinali e beni di prima necessità da spedire nei territori martoriati dalla guerra. La cena è stata molto particolare e significativa, perché con il sottofondo di musica tradizionale del luogo sono stati serviti i piatti tipici della cucina ucraina, che hanno il sapore della gastronomia orientale:

  • "BORSCH" Zuppa di barbabietola, vitello, patate
  • "GOLUBZI" Foglia di cavolo cappuccio, carne macinata, riso
  • "VERENIKY Z VUSHNYAMU" Ravioli dolci alle ciliegie

Piatto di Borsch

Il borsch ucraino è un piatto unico della cucina nazionale, la cui storia risale al XVII secolo ed è incluso nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO. Secondo i sondaggi la maggior parte degli ucraini lo considera il piatto preferito della cucina nazionale. Ogni casalinga sa come cucinarlo. La ricetta viene trasmessa dai genitori ai figli.

Il borsch classico è composto da circa 30 ingredienti. Tra questi i più importanti sono: barbabietole, cavoli, patate, carote, cipolle, carne di manzo e concentrato di pomodoro. Ma a seconda della regione la ricetta può variare. Tradizionalmente il borsch viene servito con ciambelle all'aglio e smetana (tipo di panna acida).

Con una maglietta bianca, un paio di jeans, un fiocco giallo e azzurro sul cuore le giovani ucraine e ucraini hanno servito gli invitati nella sala parrocchiale addobbata a festa con i colori della bandiera ucraina con tanta dignità e a testa alta, fieri della loro resistenza al nemico invasore, contenti e sorridenti di poter essere utili alla loro causa.

Per un momento la malinconia e i ricordi tragici della loro esistenza sono stati scacciati.

Alla fine, come nelle rappresentazioni teatrali, è stata presentata anche la squadra che ha lavorato in cucina. E l’applauso è stato lungo e sentito.

Paolo Tekuchev, ideatore e animatore

A nome della comunità ucraina Paolo Tekuchev con grande gratitudine ha ringraziato tutta la valle che li ha accolti senza pregiudizi e tutte le persone che li hanno aiutati a trovare un’esistenza sicura con un po’ di serenità.

Sono stati raccolti 3'245 CHF che serviranno ad acquistare medicinali, lacci emostatici, accessori per riscaldarsi, lampade a gas, candele, alimentatori, da portare in ucraina assieme ai regali di natale che abbiamo raccolto in valle e in Bregaglia, per aiutare la popolazione a sopravvivere l'inverno al freddo, senza acqua e corrente elettrica.